Ascesso dentale: cause, sintomi e terapie

Un ascesso dentale è un accumulo di batteri, plasma, globuli bianchi e detriti cellulari ovvero pus, raccoltonei tessuti che circondano il dente (gengiva, osso mandibolare o polpa dentale).

tooth-abscess

Le Cause

L’ascesso dentale è la conseguenza di carie complicate o lesioni gravi, che provocano infezione purulenta (con produzione di pus) di denti o gengive. Tra i fattori di rischio ci sono: il fumo, lunghe terapie con cortisone, interventi dentali malriusciti, la cattiva igiene orale, il diabete o malattie come il reflusso gastroesofageo, l’AIDS, la secchezza della fauci o l’alcolismo.

I Sintomi

Oltre al doloroso ed implacabile mal di denti, un ascesso dentale causa gengive gonfie, alitosi, ipersensibilità dentinale, febbre ed ingrossamento dei linfonodi sul collo.

La Diagnosi

La diagnosi di ascesso dentale è alquanto semplice: si avvale dell’esame anamnestico ovvero dei sintomi,  di quello fisico e dall’aspirazione ed analisi di un campione di pus.

Le Terapie

Essendo un’infezione, l’ascesso dentale richiede una cura a base di antibiotici, accompagnata eventualmente da  antidolorifici. Anche il drenaggio del pus viene messo in atto ai fini della guarigione.

 

In base alla sede precisa in cui origina, l’ascesso può essere distinto in:

Ascesso parodontale se è provocato da un’infezione del parodonto ovvero l’apparato di sostegno del dente ( gengiva, osso alveolare di sostegno, cemento radicolare e legamenti ,fibre elastiche di collegamento). Ascesso periapicale (o pulpite complicata)se l’infezione origina nella polpa del dente come conseguenza di carie.

L’ascesso gengivale è probabilmente la forma meno complicata e si sviluppa direttamente nella gengiva a causa di processi infettivi.

 

I fattori predisponenti l’ascesso dentale sono da ricercarsi in:

Interventi dentali multipli non riusciti, come devitalizzazione, impianti o otturazioni

Diabete, cellulite batterica, malattie da reflusso gastroesofageo, malattie che indeboliscono il sistema immunitario (es. AIDS), secchezza delle fauci, fumo, alcolismo, radioterapia della testa e del collo, terapia a lungo termine con farmaci corticosteroidi, antistaminici ed antipertensivi.

ASCESSODENTALE-CAUSE-SINTOMIETERAPIE

I sintomi

Il sintomo principale dell’ascesso dentale è il mal di denti molto acuto che si avverte anche solo sfiorando la parte interessata

Oltre al dolore pulsante ed   possibile elencare  altri sintomi come: gengive gonfie, arrossate, talvolta sanguinolente, gonfiore del viso ( la pelle che sovrasta l’ascesso risulta particolarmente dolente, gonfia e arrossata ), gonfiore dei linfonodi del collo, alito cattivo, ipersensibilità dentinale, febbre, malessere generale.

Se l’ascesso dentale si rompe spontaneamente (il pus si riversa nella bocca) in questo caso è necessaria una cura antibiotica per scongiurare una nuova infezione

Se l’ascesso periapicale non scoppia e non viene curato il pus tende progressivamente ad aumentare, e la cavità si ingrandisce fino a formare una fistola od una ciste. In casi simili, l’infezione potrebbe arrivare adinvadere alcune aree del collo o della testa.

Sel’ascesso dentale colpisce soggetti diabetici, immunocompromessi, pazienti a cui è stata asportata la milza o pazienti sottoposti a cure chemioterapiche c’è il rischio di osteomielite, trombosi del seno cavernoso, infezione del pavimento della bocca e setticemia.

Leave a Reply